Le foreste Danzanti


Di Daniela Colombo

Nel nostro immaginario collettivo gli alberi hanno il tronco ben ritto verso il cielo. Eppure ci sono foreste nel mondo con alberi ricurvi che per le loro forme tondeggianti e sinuose sembra che stiano danzando.

Eccovene due, ad una distanza di 600 kilometri una dall’altra e composte entrambe da Pini:

La Crooked Forest in Polonia

Letteralmente la”Foresta Storta” si trova a Gryfino nella Polonia occidentale

E’ formata da 400 pini ricurvi, tutti con un’incredibile angolazione di 90 gradi sulla base, piantati probabilmente intorno al 1910.

Della causa di questa anomalia non si sa ancora nulla, rimane avvolta nel mistero tra miti e leggende.

Attorno a questa zona gli altri pini hanno una forma assolutamente normale.

Qualcuno lo fa risalire a falegnami che l’incurvarono all’età di sette anni con dispositivi meccanici che avrebbero reso la zona facilmente localizzabile in tempo di guerra. Raccontano anche di una caduta di neve particolarmente feroce nel 1921, quattro metri di un bianco mantello che ha ricoperto le giovani piante per circa sei mesi, quando erano ancora giovani e flessuose.

Altri dicono che furono stati deformati per avere legna curva naturalmente, per barche o altri oggetti.

Sono solo teorie senza riscontri scientifici, rimane comunque un fenomeno affascinante sia esso naturale o da intervento umano.

La Foresta Incantata sul Baltico

Kurshaskaia Kosà si trova nella regione di Kaliningrad, tra la Russia e la Lituania. E’ caratterizzata da alberi con forme insolite e bizzarre, molto meno regolari e più contorte di quella polacca; per questo oltre a danzante viene anche chiamata “Ubriaca”.

Ce ne sono alcuni il cui tronco sembra strisciare come un serpente, altri ricurvano su se stessi o salgono a zig-zag. Ce n’è anche uno che sembra una Lira, antico strumento musicale e un altro che sembra quasi un trono.

Le teorie sono molte, e nessuna ha ancora sufficente credito per essere avvalorata. Di certo a detta di tutti nella foresta vige un silenzio anomalo, inquietante, come se tutto fosse sotto una sorta d’incantesimo.

Gli anziani narrano la leggenda di una fanciulla di nome Pradislava che sapeva far ballare gli alberi e se ne avvalse per ammaliare il principe prussiano della quale era innamorata.

Sembra piuttosto che questi alberi furono piantati per dare stabilità alle dune di sabbia che potrebbe averli invece fatti crescere così deformi, o addirittura che sia una zona tellurica e con venti particolarmente violenti. E qualcuno addita la Tignola, un parassita che potrebbe aver colpito i pini molto giovani.

Comunque sia la causa l’effetto è davvero pazzesco e dal 2000 la Dancing Forest e l’intera striscia di Curonian è patrimonio Unesco per l’Umanità!

Fonte foto Flicr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *