La primavera ad Hallerbos


di Daniela Colombo


Proprio in questo periodo dell’ anno c’é una foresta che si sta risvegliando dal sonno invernale rivelandosi in tutta la sua magia!
É la foresta di Hallerbos, vicino alla citta di Halle in Belgio!
Questa foresta pubblica con splendidi sentieri percorribili a piedi, in bicicletta o a cavallo viene gestita dalla “Agenzia per la natura e la foresta” del governo fiammingo che si occupa di preservare i 42.300 ettari delle foreste belghe.
La foresta che ammonta a 542 ettari, é principalmente di faggi, ma si trovano anche querce, aceri, tigli e sequoie giganti. E’ inoltre l’habitat naturale di caprioli, cervi, lepri, volpi, scoiattoli e oltre 105 specie di uccelli tra cui il picchio nero e il gufo.
E questo é ancora niente. Dalla metá di aprile per due/ tre settimane, il suo terreno si colora di fiori blu dando luogo ad un fenomeno naturale molto suggestivo! Migliaia di visitatori, escursionisti e fotografi ripercorrono ogni anno i suoi sentieri con il fiato sospeso dall’emozione.


Questo fenomeno che tocca tutte le varietà del blu tendente al viola, dal turchese al violetto e dall’azzurro al blu scuro é dovuto alla fioritura del Hyacinthoides non scripta. Immaginate che profumo!
In italiano non abbiamo una traduzione esatta, viene chiamato Campanula, Giacinto o Scilla, per gl’ inglesi Common Blubell.
É una pianta da bulbo che ha trovato in questa foresta le perfette condizioni climatiche ed un terreno ricco di sostanze nutritive idonee per un sano e rapido sviluppo.
Le sue piccole campanelle spuntano tutte insieme regalando emozioni indimenticabili.


I fotografi si appostano sopratutto durante le prime ore dell’alba o al crepuscolo godendo appieno della pace accompagnati dal cinguettìo degli uccelli. La foresta regala giochi di luce, con il passare dei raggi del sole attraverso le chiome degli alberi. Dopo 7/10 giorni dal fiorire delle campanule lo spettacolo cambia ancora: le giovani foglie di faggio di un verde brillante fanno un contrasto incredibile con le campanule blu/viola.


A mano a mano che le chiome s’ingrandiscono la luce solare filtra sempre meno sul suolo, la foresta si fa più scura, le campanule diventano blu/grigio. Poi…nelle zone umide calcaree fiorisce l’aglio selvatico e nelle acque poco profonde dei corsi d’acqua fioriscono le piante di Coda di cavallo.
Sui bordi dei percorsi assolati puoi trovare i fiori del Sigillo di Salomone, del Lamio giallo e del Centocchio.


Sul sito ufficiale della foresta (www.delijn.be) si possono trovare tutte le informazioni sul periodo di fioritura , sulle camminate e sulle attività da fare nell’arco dell’anno; o prenotare delle visite guidate. Come avere una mappa o come raggiungerla in auto, con i mezzi pubblici, a piedi o in bicicletta da Bruxelles.
Interessante è anche la visita al Museo della Foresta, aperto durante il periodo primaverile con una mostra temporanea dedicata alla storia della foresta, degli alberi e dei fiori e degli animali che la popolano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *